Voce, tamburello e ballerini tutti insieme a ritmo di pizzica. Terminata la processione di San Paolo per le vie di  Galatina, la ronda di pizzica nasce spontanea nella notte vicino la chiesa e negli spazi disponibili e coinvolge tutti i cultori della tradizione orale salentina ognuno con la sua fede e la sua passione. Diversi studiosi hanno studiato la pizzica nella terra del morso e del rimorso, fenomeno che incominciava tra le spighe di grano che le donne raccoglievano nella settimana di San Paolo e dove la taranta poteva trovare il suo rifugio.

 

E Santu Paulu miu de le tarante
famme na grazia a mie
e a tutte quante.

E Santu Paulu miu de Galatina
fammela cuntentà sta signorina.

E te precu Santu Paulu falla guarire
e ca l’ave pizzicata la tarantella.

E addhu te pizzicau la tarantella
sutt’allu giru giru de la gunnella.

E se viti ca se cotula lu pede
quiddhu è lu segnu ca vole ballare.

Lassatila ballare, ca è tarantata
e ca porta la taranta sutta ‘llu pede.

E balla beddha mia ca sai ballare
ca lu tu ballu sai move lu pede.

E Santu Paulu miu de le tarante
ca pizzichi le caruse e le fai sante.